Si! Lombardia - Sostegno Impresa Lombardia

Stampa

Con delibera n. 3869 del 17 novembre 2020 la Giunta regionale ha approvato la misura “Sì! Lombardia”, che sostiene le microimprese e i lavoratori autonomi con partita IVA individuale non iscritti al Registro delle imprese, che sono stati particolarmente colpiti dalle restrizioni imposte dal contenimento del contagio del Covid-19

 

MICROIMPRESE

 

Soggetti Beneficiari

Possono presentare domanda le imprese in possesso, alla data di presentazione della domanda, dei seguenti requisiti di ammissibilità:

-essere iscritte al Registro delle Imprese e risultare attive;

-essere microimprese: avere un numero di dipendenti minore di 10 unità e con un fatturato annuo o un totale attivo dello Stato Patrimoniale inferiore ai due milioni di euro;

-avere una sede operativa attiva in Lombardia;

-trovarsi in almeno una delle seguenti condizioni:

·         avere subito un calo di fatturato di almeno un terzo nel periodo marzo-ottobre 2020, rispetto al medesimo periodo del 2019;

·         essere state costituite a partire dal 1° gennaio 2019 (per tali imprese, infatti non è richiesto il requisito del calo del fatturato);

-Trovarsi in almeno una delle seguenti condizioni:

·         essere operanti nei settori riportati nell’Allegato della presente comunicazione, sulla base del proprio codice ATECO primario;

·         essere un esercizio commerciale al dettaglio in sede fissa, qualificato come esercizio di vicinato operante nel settore non alimentare, con sede all’interno di un centro commerciale;

·         svolgere attività di commercio al dettaglio su area pubblica, operando prevalentemente in fiere e sagre o in aree dedicate ad eventi e manifestazioni (es. eventi sportivi, concerti), incluse anche gelaterie ambulanti (ATECO 56.10.41) e pasticcerie ambulanti (ATECO 56.10.42) operanti prevalentemente in fiere e sagre o in aree dedicate ad eventi e manifestazioni;

-non trovarsi in una procedura concorsuale per insolvenza;

-non avere alcuno dei soggetti di cui all’art. 85 del D.Lgs. 6 settembre 2011 n. 159 (c.d. Codice delle leggi antimafia) per il quale sussistano cause di divieto, di decadenza, di sospensione di cui all’art. 67 del citato D.Lgs;

-dovranno essere in regola con gli obblighi contributivi.

 

Agevolazione

L’agevolazione consiste nella concessione di un contributo a fondo perduto una tantum a titolo di indennizzo per la situazione di particolare disagio, senza vincolo di rendicontazione. Il valore del contributo varia a seconda dell’attività svolta. L’entità dell’agevolazione è indicata nell’Allegato della presente comunicazione.

 

Presentazione delle domande

La presentazione delle domande è avviata in sette finestre, ciascuna destinata a filiere e gruppi di beneficiari.

Vedasi per maggiori dettagli l’Allegato.

 

Modalità di presentazione delle domande

Le domande dovranno essere presentate tramite il sistema informatico “Bandi Online” di Regione Lombardia.

Il rappresentante legale o titolare dell’impresa richiedente dovrà:

-dichiarare di rientrare nei soggetti beneficiari identificati dal bando;  

-verificare che l’ATECO primario dell’impresa, come risultante presso il Registro delle Imprese, corrisponda con quello proposto dal sistema informatico e, in caso di discordanza, procedere manualmente alla correzione;

-inserire l’IBAN, verificando con estrema cura con la propria filiale di credito le coordinate corrette da inserire in domanda per consentire l’effettivo accredito del contributo.

 

Procedura di assegnazione del contributo

Le domande in possesso dei requisiti di ammissibilità sono finanziate in ordine cronologico di presentazione, fino ad esaurimento della dotazione finanziaria. Il termine massimo di conclusione del procedimento per ciascuna domanda, comprensivo dell’erogazione, sarà di 30 giorni a decorrere dalla presentazione della domanda medesima.

 

LAVORATORI AUTONOMI

 

Soggetti Beneficiari

Possono presentare la domanda i lavoratori autonomi con partita IVA individuale non iscritti al Registro delle imprese operanti negli stessi settori di attività previsti per le microimprese, vedasi Allegato della presente comunicazione.

I lavoratori devono aver subito un calo di fatturato di almeno un terzo nel periodo marzo-ottobre 2020, rispetto al medesimo periodo del 2019. Tale requisito non è richiesto ai lavoratori autonomi che hanno avviato la propria attività dal 1° gennaio 2019.

 

Agevolazione

L’importo del contributo è di 1.000 euro.

 

Presentazione delle domande

Per l’assegnazione delle risorse si prevede entro i primi giorni di gennaio 2021 la pubblicazione dell’avviso che specificherà tempi e modalità di presentazione delle domande.

 

Lo Studio è a disposizione per la predisposizione e trasmissione della pratica.

 

ALLEGATO